lunedì 26 marzo 2012

Il pesto di La Mantia...per una donna (Stra)Ordinaria


Le (St)Renne di questo mese parlano di donne, donne che ci hanno ispirato, che ci hanno emozionato, donne che hanno cambiato il mondo, il cinema, la letteratura, la cucina...questo tema mi ha stordita, devo essere sincera, non tanto perchè non sapessi a chi dedicare questo post, ma perchè sapevo che sarebbe diventato intimo come mai prima...e quindi il primo pensiero è stata la fuga, non sono brava a parlare di me, neanche attraverso altri...come ne sono uscita? Voglio parlare di bellezza e di come proprio la bellezza può incidere sulla vita di una donna, su come l'accettazione di se non dipenda da come gli altri ti vedono, ma dal tuo specchio, dall'immagine che ognuno ci vede riflessa e dalle scelte che ne derivano...per cui in questo primo post parlerò di una donna bellissima che ha accettato di esserlo...la Regina Rania di Giordania, splendida e modernissima quarantenne, moglie del Re di Giordania, donna estremamente istruita e che ha fatto proprio dell'istruzione il centro della sua lotta contro la povertà, contro le ingiustizie e contro le guerre. Una Cenerentola dei giorni nostri, che non nasce regina, ma lo diventa e lo diventa per amore, un amore che vive ancora oggi a dipetto di tutte le maldicenze, certo forse il paragone con Cenerentola non è proprio azzeccatissimo, dato che in realtà Rania non ha mai aspettato il principe che la salvasse, ma si è costruita la sua vita con tenacia. Bellissima mamma di 4 figli e dicevo estremamente moderna...YouTube e Twitter sono i suoi principali canali di comunicazione, il che gli è valso l'appellativo di Tech-regina...proprio attraverso YouTube diffonde in rete video in cui cerca di combattere i pregiudizi su arabi e musulmani, parlando di comprensione, di tolleranza, di scambi culturali, condannando gli estremismi. Fondatrice di numerose fondazioni benefiche, nominata dall'UNICEF "Eminent Advocate for Children", nel suo paese porta avanti molti progetti, tra cui l'inserimento dell'informatica nelle scuole...tutto questo per dirvi senza darvi troppe date, che la Donna di cui parlo ha fatto della bellezza un'arma in più per la sua intelligenza, ha saputo e sa usare la sua immagine per essere un esempio di integrità, di semplicità e di cultura. Che piatto dedicare ad una Donna così? Sul suo profilo Twitter ci sono tanti spunti, tante torte e biscotti che prepara per e con i suoi figli, ma volevo qualcosa che la collegasse anche al nostro paese, che lei ama molto...in visita di stato a Roma con la famiglia la Regina ha scelto Filippo La Mantia chef dell'hotel Majestic per la cena ed è rimasta talmente entusiasta del suo pesto di agrumi che ha omaggiato lo chef con un orologio d'oro...e quindi oggi vi ripropongo questo pesto, con degli spaghettoni freschi naturalmente gluten free!



Spaghettoni gluten free con pesto di agrumi

Ingredienti:
per gli spaghettoni:
250g di farina senza glutine ( io ho utilizzato la Schar )
1 cucchiaio abbondante di olio evo
1 pizzico di sale
acqua qb
per il pesto: ricetta di Filippo La Mantia
4 arance
50g di capperi dissalati
200g di mandorle
1 mazzetto di basilico
50g di olio extravergine d'oliva
sale
pepe nero


Preparazione:
Cominciamo dalla pasta fresca...mi scuso perchè manca la quantità di acqua che ho utilizzato, ho dimenticato di pesarla, comunque la farina senza glutine assorbe acqua in maniera molto differente, per cui dovrete regolarvi voi, in questo caso la farina che ho utilizzato è un mix appositamente studiato per la pasta fresca...per cui come sempre formate con la farina la fontana, versate nel centro l'olio, il sale e un po di acqua, cominciate ad impastare ed aggiungete altra acqua se fosse necessario, lavorate la pasta fino a che non diventa liscia...formate dall'impasto ottenuto un filoncino, tagliate questo filoncino in tante piccole fettine...da ogni fettina, lavorando con le dita, formate tante striscioline di pasta, lavorando dal centro verso i lati...otterrete così tanti spaghettoni che vanno lessati in acqua bollente salata solo per un paio di minuti. Per il pesto bisogna pelare le arance a vivo, dissalare bene i capperi, tritare grossolanamente le mandorle e lavare e mondare il basilico, quindi nel bicchiere del frullatore inserire tutti gli ingredienti tranne l'olio, cominciare a frullare, aggiungendo a filo l'olio, in modo che frullando, crei un'emulsione che addenserà la salsa...aggiustate di sale e pepe e una volta scolati gli spaghettoni conditeli con il pesto preparato.


Con questa ricetta partecipo al contest di Stefania Donne (St)raordinarie Gluten Free

e adesso tutti da Eleonora che ci presenta la sua Donna!



18 commenti:

  1. La regina Rania e' di vero esempio per le donne arabe in primis, e per tutte le altre poi, hai fatto proprio bene a ricordarla.

    La pasta che dire...ho avuto la fortuna di mangiare questo pesto proprio nel ristorante di La Mantia e so quanto sia buono!

    RispondiElimina
  2. Ottimo esempio Rania... e questo pesto è davvero da rifare al più presto! Buona giornata Greta :)

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto Rania di Giordania, donna moderna e al passo con i tempi , questo pesto è una dei miei preferiti...per gli spaghetti glutenfree penso di passare!! ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
  4. Hai proprio ragione Rania di Giordania è una principessa contemporanea impegnatissima sul sociale e nonostante questo riesce a farci sognare. Questo pesto è strepitoso, un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  5. è una grande Rania, ci fossero molte di più persone che fanno queste magnifiche cose!! piatto buonissimo, buona settimana

    RispondiElimina
  6. E si è una donna magnifica carismatica e determinata e il tuo pesto tesoro ha un aspetto decisamente invitante e gustoso!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  7. Buongiorno Greta, hai scritto un post bellissimo. La Regina Rania è un bellissimo esempio per noi donne. All'avanguardia, attenta alle persone e ai problemi del suo popolo, portatrice di bene...bella, dentro e fuori si potrebbe dire... :-)

    Ricetta splendida, questo pesto è da provare!!

    RispondiElimina
  8. che bontà...complimenti!!

    RispondiElimina
  9. cIOè, NON POSSO CREDERE AI MIEI OCCHI, hai fatto gli spaghettoni??? Ma a te non basterebbe un orologio d'oro per il lavoro che hai fatto... Sei magnifica!

    RispondiElimina
  10. Una grande donna, non solo bella!
    Un piatto colorato, molto bello da vedere e da gustare prima con gli occhi e poi con il palato.
    Non centra niente con il post: ma quel bel piatto è una ceramica di Vietri sul Mare!?????????!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Natalia...ceramica di Vietri :)

      Elimina
  11. piatto delizioso e dedica bellissima, Rania è proprio una bella persona! ;)

    RispondiElimina
  12. mi stavo perdendo anche questo :-)
    il tema di questo mese sta offrendo una galleria di donne interessantissime, ancor più se colte da prosepttive non banali, Anche a me piace molto Rania di Giordania, per i tuoi stessi motivi. Poteva fare la moglie del re, ha scelto di mettere al servizio del suo paese e delle donne i suoi privilegi, senza mai rinunciare ad essi o senza mai deprecarli (tipo Diana, tanto per non far nomi). Ce ne fossero, di donne così...
    E ce ne fossero pure di donne come te, che fai gli spaghettoni a mano...:-)

    RispondiElimina
  13. E ci credo che Rania ha scelto La Mantia, questo pesto è stupendo, come la tua esecuzione e le tue foto
    Onore a te e alla scelta dell'intelligente e bella regina di Giordania!
    Cris

    RispondiElimina
  14. Lo sai cara amica che in poche parole ti hai preparato i PICI? In effetti i nostri pici altro non sono che spaghettoni fatti a mano con acqua e farina, e l'idea di farli glute free è stupenda. Adoro Rania di Giordania, una donna che ho sempre ammirato per la sua intelligenza e grande apertura, un esempio di donna araba che lascia aperta una speranza per le donne di questa cultura.
    Il pesto di agrumi mi provoca un turbamento vero, voglio prendere la ricetta e farli appena possibile...sono meravigliosi. Ti abbraccio carissima. Pat

    RispondiElimina
  15. questo pesto, una di quelle ricette che io chiamo "senza rischi di contaminazioni" perché, a parte la pasta, non c'è da stare attenti a niente sulla questione glutine, mi sembra una gran ricetta, che ti copierò... pardon... copierò allo chef la mantia :-)... al più presto!

    bella donna la regina rania!

    RispondiElimina
  16. Post stupendo (hai ragione, il tema di questo mese porta a mettersi a nudo e non è mai facile) e ricetta (st)repitosa!!!!

    RispondiElimina