lunedì 30 gennaio 2012

Goulash Suppe...perchè oggi tocca a me!


Questo sarà un post lungo...mettetevi comodi, una bella tazza di tè fumante e un bel caffè e cominciamo...oggi tocca a me pubblicare la zuppa, si perchè sono una (St)Rennina questo mese e l'argomenti scelto sono proprio le zuppe, quelle corpose, sostanziose, della tradizione, di quelle che scaldano...e adesso basta con gli agettivi che poi Stefania mi dice che sembro Nigella :D Insomma oggi tocca proprio a me presentarvi la mia ricetta, ci ho pensato su molto, anche perchè l'ansia da prestazione questa volta è stata proprio ingombrante e allora mi sono affidata solo al mio gusto, ho voluto proporre una cosa che a me piace proprio molto, dei sapori che mi appartengono, cercando di riadattare l'accompagnamento perchè fosse gluten free...e quindi oggi vi propongo la "mia" Goulash Suppe con Popovers gluten free al porro. E fin qui ci siamo..vi chiederete quindi, tutto sto sproloquio per dire ste due cose?? No, non ho finito, siccome di zuppa si tratta oggi comincerò dal brodo, naturalmente fatto in casa senza nessuna aggiunta di insaporitori di sorta...anche perchè vi assicuro che non ce n'è nessun bisogno, di certo non è un piatto che si cucina in 20 minuti, ma il risultato è favoloso...vediamolo insieme...



Goulash Souppe con Popovers gluten free ai porri

Ingredienti:
per il brodo di carne:
1 pezzo di biancostato 
1 pezzo di muscolo
1 cipolla bianca
3 carote
3 coste di sedano
4cm di porro
5 chiodi di garofano
2 foglie di alloro
una manciata di grani di pepe nero
un mazzetto odoroso con timo, maggiorana e rosmarino
2 manciate di sale grosso
per la zuppa:
500g di corona ( o di muscolo )
2 cipolle rosse
1/2 bicchiere di vino bianco secco
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
2 cucchiai di paprika forte
1 cucchiaino di semi di carvi
1 1/2l di brodo
per i popovers:
2 uova L a temperatura ambiente
110g di farina senza glutine ( io Cereal )
245ml di latte intero a temperatura ambiente
45g di burro fuso freddo
1 pizzico di sale
1 cucchiaio colmo di prezzemolo tritato
4cm di porro
1 noce di burro



Preparazione:
Cominciamo dal brodo, io di solito lo faccio il giorno prima, in modo da riuscire a sgrassarlo, una volta freddo, quasi completamente, quindi in una pentola molto capiente e dopo averla sciacquata per bene sotto l'acqua corrente mettete la carne, le carote lavate, le coste di sedano, la cipolla steccata con i chiodi di garofano, il sale e il porro, coprite il tutto con abbondante acqua fredda e mettete sul fuoco. Preparatevi vicino al fornello una ciotola e un mestolo e appena cominciano ad affiorare le impurità sulla superficie cominciate a schiumare il brodo...di solito io lo tengo d'occhio spesso per i primi 45 minuti di cottura, schiumandolo spesso e tenendo bassa la fiamma...con l'ebollizione frenetica si mischia tutto e rischiate di avere un brodo torbido, bisogna arrivarci con pazienza. Una volta che sulla superficie le impurità sono quasi completamente assenti aggiungete al brodo anche il pepe nero ( se volete potete chiudere i grani in un pezzo di mussola ) e il mazzetto odoroso...lasciatelo sobollire lentamente per almeno 2 ore. Una volta pronto io elimino la carne e le verdure ( e qui viene fuori un gran bollito! ), filtro il brodo e lo metto a raffreddare in frigorifero, con il raffreddamento i grassi si solidificano e riuscirete facilmente ad eliminarli. Passiamo alla zuppa...partiamo naturalmente dalla carne, che deve essere assolutamente a temperatura ambiente, non cucinate carne fredda di frigorifero...rifilate il pezzo di corona eliminando il grasso esterno e tagliate la carne in pezzi il più possibile uguali, tenetela da parte. Pulite e tritate le cipolle, dividete a metà il porro e tagliatelo in anelli molto sottili...in una pentola scaldate un filo d'olio e rosolate la carne, fatelo in più volte, senza affollare il fondo, altrimenti si abassa la temperatura e la carne si lessa, una volta ben rosolati, togliete i pezzi di carne e proseguite fino a finirla tutta. Nella stessa pentola aggiungete la cipolla e il porro, un pizzico di sale e lasciateli sudare fino a che non siano traslucidi, rimettete la carne in pentola e aggiungete il vino, questa è un'operazione che si deve fare su fiamma vivace, appena entra a contatto con la pentola il vino deve bollire, mescolate bene e appena tutto l'alcool sarà evaporato aggiungete la paprika, il concentrato di pomodoro, i semi di carvi e tanto brodo caldo fino a coprire la carne. Lasciate cuocere per circa 90 minuti, assaggiate, aggiustate di sale se necessario...è una zuppa, quindi deve essere brodosa, se a fine cottura risultasse troppo spessa, aggiungete ancora un po di brodo caldo. Veniamo ora ai popovers, che possono anzi a questo punto devono essere prerati mentre la zuppa è sul fuoco. Cominciamo preriscaldando il forno a 220°, preparate la teglia da muffin e imburratela generosamente, piccola precisazione, per questa ricetta non si può usare il silicone. In una ciotola mettete il latte, il burro e le uova, posizionatela su una pentola con due dita d'acqua calda e mescolate fino a che la miscela di uova, latte e burro non sia tiepida, in un'altra ciotola setacciate la farina, aggiungete il sale e il prezzemolo, con l'aiuto di una frusta incorporate anche la miscela di latte e uova, fino ad ottenere una pastella liscia, aggiungete anche i porri che avrete fatto stufare in padella con una noce di burro. Coprite la ciotola e lasciate riposare la pastella per circa 30 minuti. Posizionate adesso la teglia imburrata in forno e lasciatela riscaldare, vedrete che all'interno il burro tende a diventare nocciola, quindi tenetelo d'occhio, non deve raggiungere il punto di fumo, estraete la teglia e versateci subito la pastella, fino a riempire per 3/4 ogni cavità, rimettete subito in forno e cuocete per 15 minuti a 220°, poi abassate la temperatura a 170° e lasciate cuocere per altri 5 minuti...per effetto dello shok termico e grazie alle uova vedrete che i vostri popovers cresceranno e tenderanno a collassare fuori dalla cavità...una volta fuori dal forno l'esterno sarà croccante e l'interno invece morbido e umido...non vi resta che imbracciare il cucchiaio e mangiare :)



Come vi dicevo questa è la mia zuppa per (St)Renne per un mese



 e siccome è una zuppa senza glutine partecipo al contest di Stefania


34 commenti:

  1. con il freddo gelido di questi giorni un piatto corroborante come questo conquista al primo sguardo Greta! Bellissime foto...Buona settimana, un bacione...

    RispondiElimina
  2. Greta, ma questa zuppa è fantastica...non si può aver voglia di provarla a quest'ora...ma ti assicuro che un pensierino ce l'ho fatto!!!
    Quando organizziamo questo assaggio???
    ;)
    loredana

    RispondiElimina
  3. Ha una "faccia" invitantissima :-)

    RispondiElimina
  4. Non so che cosa mi piaccia di più di questa meravigliosa zuppa: se il brodo preparato con cura magistrale, la dritta della carne che non va cucinata a temperatura di frigorifero (sai che non lo sapevo?), le calde spezie o i popover gluten-free ai porri.

    Ansia da prestazione? Sono io a provarla, in retrospettiva!!!! :-9

    RispondiElimina
  5. mia mamma lo faceva spesso, ma io ero piccola e non capivo quanto fosse buono... adesso che lo apprezzo e poi mi presenti questo...mi viene una voglia...complimenti!

    RispondiElimina
  6. queste sono le zuppe che perferisco: lente nella cottura e che ti inondano la casa di un profumo delizioso.
    Bravissima.

    RispondiElimina
  7. Bella la presentazione Greta come smepre e meravigliosa e gustosa questa zuppa di quelle saporite che adoro!!bacioni,imma

    RispondiElimina
  8. Bellissime foto! Adoro questa zuppa, mi porta alla mente tanti ricordi meravigliosi!

    RispondiElimina
  9. La bontà di questa zuppa e tutta l'attenzione impiegata per prepararla è ben rappresentata in queste tue splendide foto: lo spessore di quel brodo, la morbidezza della carne ... uno spettacolo! hai spiegato tutto nei minimi dettagli. Complimenti!

    RispondiElimina
  10. E come concordo! Il brodo fatto in casa è unico e non c'è veramente bisogno di ricorrere a dadi o preparati....
    Questa zuppa è proprio perfetta per questa giornatina fredda e uggiosa!

    RispondiElimina
  11. E' così invitante che mi ci tufferei dentro!
    Inizio col botto per le strenne per un mese. Complimenti!
    Fabio

    RispondiElimina
  12. Sai vero che per il fine settimana si prevedono temperature polari/siberiane?! E tu non potevi proporre piatto migliore per poterle affrontare almeno a tavola! Una favola questo piatto! E che curiosi anche i popovers! E ovviamente pollice verso per il dado o i preparati :)! Un bacione

    RispondiElimina
  13. Proprio un bel piatto della "domenica" da fare con calma e poi condividere con la propria famiglia! Buon lunedì! :)

    RispondiElimina
  14. sembra mooooolto gustosa e bella calda per queste giornate fredde! ;)

    RispondiElimina
  15. Greta partiamo da fatto che qui trovo "semprissimo" qualcosa da imparare, dalle tue dettagliatissime descrizioni c'è semnpre qualcosa che non sapevo su cui m'illumini d'immenso ^__^ ma quanto è buona questa zuppa? Ci credo sia la tua preferita, ma avrei due domandine (perchè mi sento sempre ignorante quando passo di qui, mannaggia!!!)
    Ah le domande dicevo: che diavolo sono i semi di carvi??? E sti popovers... mai sentiti prima in vita mai, una specie di muffin salati suppongo...
    Dai ora me ne vado, ma prima ti lascio un abbraccio e un sorriso! ^___^ Any

    RispondiElimina
  16. Wowwwwww favolosa, io l'ho cucinata simile ieri nella tajine, ho aggiunto peperoni e patate :-) però con paprika dolce, mi sà che proverò anche questa versione! Golosa golosa!!! Baci

    RispondiElimina
  17. Ciao Greta! Mamma mia che piatto favoloso! Il risultato di sicuro dev'essere fantastico anche se ci vuole molto tempo per prepararlo...ma di certo, al primo assaggio, avrai detto: "Ne vale la pena..."...ehehehehe...un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  18. Io sono seduta comoda e aspetto il mio piatto...:)
    Effettivamente è un po' lungo ma il risultato è garantito, guarda lì!
    Grazie Greta per gli auguri che sono arrivati in tempo, il comple è oggi ;D

    RispondiElimina
  19. Sono appena tornata da scuola dopo una giornata lunghissima e faticosa e trovare questa zuppa con i popovers senza glutine, mi fa addirittura commuovere!
    Ti amooooooo!

    RispondiElimina
  20. Greta dico solo che è un piatto fantastico...ciao.

    RispondiElimina
  21. Cara Greta, un piatto magistrale. Ho assaggiato il Gulash una volta a Vienna. A non aveva neanche lontanamente il meraviglioso aspetto che ha la tua. Veramente un post magnifico, pieno di dettagli e dritte che la dicono lunga sulla tua esperienza. Mi hai fatto venire voglia di prepararlo. Ti abbraccio forte...keep in touch! Pat

    RispondiElimina
  22. Questa e una zuppa straordinaria, un'opera d'arte culinaria ricca, piena di sapore. Un aspetto fantastico che vien voglia di provarla subito.
    complimenti, greta!
    un bacione
    Ele

    RispondiElimina
  23. ma che bel goulash, ha un mangnifico aspetto sia il colore che la consistenza della carne si vede benissimo dalla foto, complimenti

    RispondiElimina
  24. molto gustoso tutto da provare con il freddo è ideale

    RispondiElimina
  25. Preparazione impeccabile per un risultato magnifico! Non avevo mai visto un gulash dall'aspetto così bello e invitante. Complimenti

    RispondiElimina
  26. Mamma mia Greta, sei sempre impeccabile sia nella spiegazione che nella presentazione!!! F A V O L O S A !!!

    RispondiElimina
  27. come ne vorrei un bel piatto fumante...ora!
    :)

    RispondiElimina
  28. :D
    bellissima la tua zuppa! e poi la lungaggine del post era dovuto! sono stata sul divano comoda comoda e ho letto tutto!:D

    RispondiElimina
  29. uhhhh mi hai ftto ricordare che devo pubblicare la mia che bell che è la tia ricetta e chissa che buon io poi adoro il goulash braissima se assaggiavo pero era meglio ehehehhe

    RispondiElimina
  30. dalla foto al piatto sublime particolare il voto sarebbe+10

    RispondiElimina
  31. E questo sì che un goulash!! Mi devo mettere comoda comoda per leggere tutta la preparazione, io non l'ho mai fatto se non nella variante al limone!

    RispondiElimina
  32. Mi trovo in imbarazzo..perchè per me avresti già rivinto :D , baci, Flavia

    RispondiElimina
  33. Avrei voglia di un bel piatto di questa zuppa...e ti assicuro che il mio desiderio non è dovuto solo al freddo ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina