lunedì 16 gennaio 2012

Tagliatelle broccolo e gamberi...ed è di nuovo MTC!


Eccoci di nuovo qui, dopo il mese di break con una nuova sfida dell'MT Challenge, ospitata da Ale  che per questo mese ha proposto le tagliatelle e le tagliatelle senza furbate, senza nonne papere, solo con la forza delle braccia...ho pensato subito...che bello!! Poi come ogni volta sono piombata nel caos più totale! Il dubbio amletico era...restare sul tradizionale o no? Mi era persino venuto in mente di sconvolgere la ricetta e impastare le tagliatelle con una parte di uova e una parte di patè di fegatini...esperimento che comunque proverò presto, ma avevo paura che la pasta che avrei ottenuto non sarebbe stata adatta ad essere stesa a mano e sottile, quindi ho deciso di soprassedere...poi mi sono ricordata dei pistilli di zafferano che uno zio di mio marito mi ha regalato e non sono pistilli comuni, no, sono dei fiori di zafferano che lui stesso cura e produce nella sua campagna, aria pulita, altura e tanta passione! Da qui pensavo che forse la chiave per questa mia sfida poteva essere il colore, partendo dal giallo oro dello zafferano volevo creare un piatto con colori estivi, ma con ingredienti invernali...e quindi...


Tagliatelle allo zafferano con broccolo siciliano e gamberi

Ingredienti:
per la pasta fresca:
200g di farina 00
2 uova + 1 tuorlo
1 cucchiaio di olio evo
1 presa di sale
pistilli di zafferano
per il condimento:
1/2 broccolo siciliano 
12 gamberi
1 spicchio d'aglio
1 lime
2 cucchiai di panna acida
pepe nero
4cm di porro
1 noce di burro
per il brodo di gamberi:
le teste dei gamberi
1/2 cipolla
1 carota
1 costa di sedano
qualche gambo di prezzemolo
2 cucchiai di Brandy


Preparazione:
Io ho cominciato dalla pasta, che ho preparato la sera prima, per cui sul piano di lavoro e con le mani ben pulite, fate una fontana con la farina, nel centro mettete le uova intere, il tuorlo, il cucchiaio di olio, lo zafferano e il sale, poi con una forchetta rompete i tuorli e cominciate a sbatterli come fareste per una frittata, cercando di amalgamare un pochino di farina per volta, aiutatevi con l'altra mano facendo cadere dalla cima della fontana un po di farina alla volta nel centro, appena le uova avranno assorbito la farina, pulite la forchetta e cominciare a lavorare le briciolone che si saranno formate fino a farle diventare un impasto liscio e molto elastico...andrà lavorato per almeno 10 minuti, quindi chiudetelo in un foglio di pellicola e lasciatelo riposare per 40 minuti. Adesso riprendiamo l'impasto, appena lo riprenderete in mano vi accorgerete di quanto sia cambiato con il riposo, se prima era elastico e nervoso, adesso è morbido e facilmente lavorabile, avendo utilizzato solo 200g di farina io l'ho steso in una sola volta, se usate un quantitativo di farina maggiore, vi conviene tagliare la pasta in due o tre pezzi, altrimenti il mattarello non basta per stenderla tutta. Cominciate a stendere la pasta infarinando leggermente il piano di lavoro e la pasta stessa e facendo scivolate le mani sul mattarello partendo dal centro e arrivando ai bordi e ritorno, cercando di imprimere sempre la stessa forza e girando la pasta spesso. Dopo un po che siete li a stenderla comincerà a diventare piuttosto grande...io ne faccio penzolare la metà fuori dal piano e mi dedico alla metà che è ancora sul piano...questo perchè mentre mi concentro su quella metà, l'altra metà non torna indietro...nel senso che quando si stende la pasta, comunque un pochino tende a ritirarsi, in questo modo invece ci facciamo aiutare dalla forza di gravità a tenerla ferma! Ero rimasta al movimento delle mani sul mattarello dal centro verso i bordi...adesso che la pasta comincia a prendere le sembianze di una sfoglia, posizionate il mattarello sul bordo più lontano da voi, infarinate leggermente e arrotolateci attorno la pasta, fino ad arrivare vicino a metà, continuate a stendere la pasta sempre con lo stesso movimento, ripetete anche dagli altri lati...questo aiuta a uniformare lo spessore e a stendere la pasta davvero sottile. Non appena raggiungete lo spessore desiderato arrotolate la pasta su se stessa e tagliatela in anelli tutti della stessa larghezza...srotolate gli anelli di pasta, formate dei nidi e lasciate asciugare le tagliatelle su un piano leggermente infarinato. Prepariamo adesso il brodo di gamberi, in una casseruola scaldate un filo d'olio e fate tostare le teste dei gamberi, aggiungete le verdure, sfumate con il brandy e lasciate dealcoolizzare, aggiungete adesso 1 litro d'acqua, portate ad ebollizione schiumando spesso e lasciate cuocere per circa 30 minuti, aggiustate di sale e di pepe e tenete da parte. Pulite il broccolo tenedo sia le foglie che il gambo centrale, dividete in cimette le infiorescenze e lessatele in acqua bollente salata per circa 5 o 6 minuti, tenendole al dente, conditele con un pizzico di sale, un filo d'olio...pulite il gambo del broccolo come fareste per quello di un carciofo, eliminando la parte fibrosa esterna e tenendo la parte biancastra centrale e tagliatela a pezzetti, lavate bene le foglie e tagliate a pezzetti anche queste, in una padella con il burro e un filo d'olio rosolate l'aglio, aggiungete i pezzetti di gambo, le foglie e il porro tagliato ad anelli sottili, bagnate con un paio di cucchiai di brodo e portate a cottura bagnando quando è necessario, eliminate l'aglio e frullate tutto il resto, passate al setaccio e aggiungete la panna acida, amalgamate bene e tenete da parte. Siamo quasi pronti...scaldate la stessa padella che avete usato per la salsa, aggiungeteci un filo d'olio e appena è caldo anche i gamberi e le cime di broccolo, cuocete a fiamma viva per 2 o 3 minuti, quindi spegnete e passiamo alla pasta...portate ad ebollizione il brodo rimanente ( aggiungete ancora acqua se fosse necessario ), cuocete le tagliatelle in questo brodo...a me piacciono al dente, detesto la pasta scotta, quindi scolatele e ripassatele velocemente nella padella con i gamberi, profumate con un po di buccia di lime grattugiata, spegnete il fuoco e...qui potete scegliere se aggiungere la salsa direttamente in padella, o se metterla sul fondo del piatto dove poi poggerete le tagliatelle :)




Vi lascio anche un paio di foto delle tagliatelle perchè siccome ultimanente c'è chi insinua che baro e che copio, vorrei fugare ogni dubbio...queste le ho proprio fatte io!



Con questa ricetta partecipo all'MT Challenge di Gennaio


41 commenti:

  1. Sono bellissime, Greta, piene d'oro :-)

    RispondiElimina
  2. greta ma così non valeeeeeee!!!!!...non c'e' gara con te! bellisme tagliatelle...magnifo impiattamento e che dire delle foto...sono senza parole!!

    RispondiElimina
  3. la tua proposta mi piace davvero molto, ma lo sai che ti adoro?

    RispondiElimina
  4. un piatto splendido... sicuramente delizioso!

    RispondiElimina
  5. Tre cose che fanno di te una fuoriclasse
    1. il trucco della forza di gravità della pasta: per la serie, Newton ci fa un baffo-
    2. il lime. Che già mi avresti steso col limone, ma col lime ancora di più
    3. la striatura della salsa sul piatto, che è roba da grandi chef. Oppure da Greta's Corner, a scelta ;-)
    ale

    RispondiElimina
  6. Greta......sono stupendeeeee!!! Broccolo e gamberi, e poi la presentazione... mi piace tutto!!!!

    RispondiElimina
  7. che belle che sono le tue tagliatelle!!!! *_*
    belli i colori e..il cavolo non mi piace ufff..
    ;)

    RispondiElimina
  8. Come sempre fai delle cose eccezionali!!
    P.S. scusami se rompo, ma dovresti mettere il banner del gioco grazie ;)

    http://lamponietulipani.blogspot.com/p/guest-blog.html

    RispondiElimina
  9. Ciao! che bello il tuo blog! è la prima volta che ti vedo! bellissima ricetta e poi a quest'ora che fame! Complimenti! buon 2012!
    http://www.kappaincucina.blogspot.com/

    RispondiElimina
  10. Gretaaaaa...che spettacolo!!!

    RispondiElimina
  11. Che bella soddisfazione però fare le tagliatelle a mano....quasi quasi ci provo! belle foto ;)

    RispondiElimina
  12. Eh si nonostante il buono delle tagliatelle sta nel tirarle a mano io per velocizzare mi butto sempre sulla macchinetta....a me carissima! Il tuo piatto è bello e colorato, sei stata molto brava! L'idea dei fegatini sarebbe da valutare, chissà che sapore...un buon inizio! Ciaoooo

    RispondiElimina
  13. Ed è meravigliosa! :D (e che bello qui, posso ripassare a trovarti?)

    RispondiElimina
  14. Bellissime tagliatelle e foto fantastiche!!! che classe ragazza mia... ;)

    RispondiElimina
  15. Quella presentazione è meravigliosa!!!
    I colori, la luce, la foto, tutto fa aprire la bocca dallo stupore.
    Sei bravissima!!! E poi, come tisono venute belle li sul tagliere. Io ancora le devo fare e a vedere le tue ho pensato "non posso competere". Tra l'altro sono un pò in alto mare, ma non demordo.
    Ti faccio i miei in bocca al lupo per questo turno.

    RispondiElimina
  16. Che spettacolo Greta, ma le hai fatte col righello?!?? sono perfette!!! complimenti anche per la presentazione, davvero molto chic.

    RispondiElimina
  17. Che delizia mia cara! QUeste tagliatelle sono perfette e golosissime condite così!

    RispondiElimina
  18. Greta e l'immancabile panna acida, oltre ovviamente al colpo di genio e all'ingrediente asso nella manica coltivato dal caro zietto ;)! Un piatto da veri gourmet! E vorrei proprio sapere chi è che crede che tu stia barando...Ma la gente non ha nulla da fare?! Mah...Un bacione

    RispondiElimina
  19. Mi inchino di fronte alla tua bravura...inutile nun è pe' me!!
    vero la stria sul piatto fa molto alta cucina...raffinatissima!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  20. che bellissimi colori Greta!!!! un buonissimo abbinamento :) good luck :)

    RispondiElimina
  21. Wao!!!!!!!! io le ho appena fatte domani si mangiano.
    Chi è l'intelligente che dice che bari????? ma lascia stare che l'invidia è una brutta bestia..

    RispondiElimina
  22. foto splendide che bucano lo schermo, mi sembra perfino di sentirne il profumo....

    RispondiElimina
  23. Che perfezione Greta!!!! Hai le manine d'oro...che sia un biscotto, un secondo di carne o delle tagliatelle, i tuoi piatti sono sempre da urlo!!! Chapeau ^_^

    RispondiElimina
  24. Ho capito, NON ce la posso fare nemmeno questo mese!

    RispondiElimina
  25. Bellissime le foto, ottima la ricetta...una tagliatella molto delicata...ciao.

    RispondiElimina
  26. Le foto sono spettakolari, la descrizione del procedimento di stesuta della pasta basta da solo a far capire che questi gesti per te sono abituali.
    Posso confessarti una cosa? Non capisco come mai finora tu non abbia vinto l'MTC, sei davvero bravissima!
    E vogliamo parlare di questa sfoglia allo zafferano e del superbo condimento? :-9

    RispondiElimina
  27. Wow! Mi piacciono proprio tanto le tue tagliatelle! Colori, sapori, consistenze, presentazione... Che brava!

    RispondiElimina
  28. ma se possono vedè ste cose a quest'ora??? noooooo!!! ma è bellissimo questo piatto.. si mangia con gli occhi e questo è il complimento più bello che possa ricevere un cuoco secondo me!! se quello che cucina si mangia solo con gli occhi a centrato l'obbiettivo.. quello di far mangiare bene! bacione socia

    RispondiElimina
  29. tagliatelle superbe!!! mi associo in toto alla mapi: ma perché non hai ancora vinto l'MTC??
    un abbraccio

    RispondiElimina
  30. mmmm... le tagiatelle mi piacciono in ogni modo, e le tue sono davvero golose!!! un bacio

    RispondiElimina
  31. stupende!!! quelle poche volte che le prepraro (già litigo con la macchinetta..figurarsi a mano!) metto sempre lo zafferano per un tocco di colore in più! quel sughetto è delizioso! ;)

    RispondiElimina
  32. La tua cucina mi piace sempre di più! E complimenti (se mai ce ne fosse bisogno) anche per le foto!

    RispondiElimina
  33. Il tuo blog è molto bello ti aggiungo tra i miei preferiti e ti seguo, queste tagliatelle sono veramente un'opera d'arte! Molto raffinato l'impiattamento, sembra il piatto di un ristorante!! ;)

    Vevi :)

    RispondiElimina
  34. Splendide, davvero! Lo sai che allo zafferano avevo pensato anche io? Noto una maestria e perfezione nelle tagliatelle che sostano sulla spianatoia in attesa di essere stese ad asciugare. Allora il matterello lo sai usare bene, e non solo per correre dietro al marito! Bravissima come sempre e un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
  35. il condimento mi piace molto molto!
    tagliatelle ottime!!!

    RispondiElimina
  36. Che bella ricetta e che bella presentazione! La tecnica poi... beh, le foto parlano da sole! Brava!

    RispondiElimina
  37. bellissime, me le mangerei crude dal tagliere e poi tutto il primo piatto che è davvero un quadro! brava davvero!

    RispondiElimina
  38. Non so che dire, sono semplicemente estasiata! Mi sono emozionata tantissimo a vedere la tua proposta per l'MTChallenge! Parteciperò anch'io con il mio modestissimo contributo, ma ora come ora non posso non dirti che vorrei tanto vincessi tu! Bravissima, veramente!
    Buona giornata e in bocca al lupo! ^-^

    RispondiElimina
  39. ...il giorno che io tirerò una pasta così sarò felice!
    Mi sembra di potere sentire le testure di tutti gli ingredienti... una poesia!

    besos

    RispondiElimina
  40. Che spettacolo! Ecco perchè è meglio che posto subito le mie proposte per l'MT Challange....perchè se aspetto fine mese, poi vedo queste robe qui e mi vergogno come una ladra!
    Buon week end
    Valeria

    RispondiElimina
  41. boh, non entro nel merito di chi sospetta che tu bari, francamente sono piccinerie che non vale nemmeno la pena considerare!
    la ricetta è una meraviglia di freschezza e sapore, però devi dirmi i segreti della tua fotografia, che macchina usi, quale obiettivo, con quale luce....sono io la copiona!!

    RispondiElimina