mercoledì 26 ottobre 2011

I Profiteroles, il Mar Tirreno e l'MTC


Ultimamente sono sempre in ritardo, io non ho smesso di cercare di rallentare il tempo, ma per adesso ancora nessun risultato, continuerò a provare, chissà se anche in questo caso chi la dura la vince! Questo mese ho davvero rischiato di non fare in tempo, ma non potevo saltarla questa, non dopo aver letto il post di Stefania, se non lo avete ancora letto fatelo, anche perchè il mio racconto ha una certa attinenza con quanto è successo a lei. Io abito vicino al mare, questo l'ho già detto, ma il mare di Latina non è proprio di quelli che tolgono il fiato...o meglio, lo tolgono, ma in un altro senso, la fortuna vuole che siamo vicinissimi a Sabaudia, a San Felice, Sperlonga, Gaeta, a quel tratto di costa dove la macchia mediterranea è rigogliosa e si affaccia su un mare cristallino e su una spiaggia dorata...ok..la smetto...questo per dirvi che appena possiamo scappiamo verso altri lidi. Proprio durante una di queste fughe passiamo davanti ad uno stabilimento che si chiama "Tirreno, mio figlio, quello di mezzo, passando legge questo nome e lì la fatidica domanda..." Mamma, come mai questo stabilimento si chiama Tirreno?" io sapevo che la domanda era di quelle nefaste, di quelle che segnano! Lo so mi prenderete per pazza, ma vi assicuro che non è così, la domanda ormai era stata fatta e attendeva una risposta...e quindi via di spiegazioni e di geografia spicciola, per cui il nome dello stabilimento era in onore del mare che bagna queste coste che si chiama appunto Mar Tirreno, tutto questo corredato da un piccolo disegnino esplicativo delle sponde tirreniche...e voi penserete fin qui che cosa c'è di così strano?? EH! Il silenzio regnava nella macchina, quindi sicura di aver dissipato ogni dubbio a riguardo cerco una stazione radio decente, quando all'improvviso..."Mamma, quindi questo mare si chiama Sabaudia!" Eravamo appena passati davanti al cartello con la scritta "Benvenuti a Sabaudia"!!! Ecco fatto...già prevedo dei 2 in geografia con tanto di convocazioni dalla preside...si perchè nonostante le ulteriori spiegazioni, mappamondi, cartine e simili, lui è ancora convinto che il Mar Tirreno è solo quello che bagna l'omonimo stabilimento!!!
Passiamo alla ricetta che è meglio, stavolta ho scomodato i Grandi, si perchè i bignè sono di Montersino, come da ricetta suggerita da Stefania, il ripieno è la mousse cremosa al cioccolato di Santin e a completare il tutto c'è un caramello al burro salato...erano buonissimi!!!



Profiteroles con mousse cremosa al cioccolato e caramello al burro salato

Ingredienti:
per i bignè: 
vi rimando da lei perchè è stata bravissima e molto precisa nella spiegazione

per la crema inglese ( base della mousse )
50g di rossi d'uovo
30g di zucchero semolato
65g di latte intero
150g di panna liquida
1/2 bacca di vaniglia incisa

per la mousse:
120g di cioccolato Extra Fondente Venchi 75%
170g di panna liquida
112g di crema inglese

per il caramello salato:
100g di zucchero
42g di burro salato ( o di burro + un bel pizzico di sale )
60ml di panna liquida



Preparazione:
Partiamo direttamente a bignè già pronti, tanto come vi dicevo Stefania è stata bravissima e vi rimando a lei per preparazione e cottura dei bignè, io li ho fatti piccolini, diciamo bite-size, perchè mi piacciono di più e perchè trovo che siano più "educati", quindi ho diminuito leggermente il tempo di cottura, li ho fatti raffreddare su una gratella e nel mentre ho preparato la mousse cremosa...si parte da una crema inglese, quindi mettiamo in un pentolino il latte, la panna e la mezza bacca di vaniglia e facciamo scaldare, deve arrivare al limite del bollore, in una ciotola rompere i tuorli, aggiungere lo zucchero e mescolare, senza montarli, adesso bisogna aggiungere il liquido bollente ai tuorli facendo molta, molta attenzione, io lo faccio poco per volta, almeno all'inizio, perchè non essendoci la farina, come per la crema pasticcera, che evita ai tuorli di diventare stracciatella, bisogna fare molta attenzione, una volta incorporati tutti i liquidi, rimettere il tutto sul fuoco e senza smettere di mescolare portate la crema ad una temperatura di 82°, o se non avete un termometro, fino a che la crema non vela il dorso di un cucchiaio...questa è un'operazione che può essere fatta sia direttamente sul fornello, che a bagnomaria, almeno per le prime volte, fino a che non ci si prende un po confidenza aiuta a gestire meglio le temperature. Una volta cotta va fatta intiepidire in fretta, io mi preparo di solito una boule con dell'acqua fredda a fianco, così appena spengo il fuoco e sempre mescolado riesco in fretta a far scendere la temperatura della crema. Passiamo al cioccolato che va fatto sciogliere, io lo faccio a bagnomaria, una volta fuso bisogna incorporarci la crema, quindi pesate la quantità necessaria ( ve ne rimarrà un pochino, ma proprio poca ) e aggiungetela al cioccolato in due o tre volte, mescolando bene ad ogni aggiunta...ora...lasciate raffreddare leggermente questo composto, dobbiamo ancora aggiungere la panna che deve essere semimontata, io mi regolo a schizzi...cioè, appena smette di schizzare ovunque mentre la montate è pronta! Anche l'operazione panna va fatta a più riprese, aggiungete un paio di cucchiaiate di panna al cioccolato, mescolando dal centro amalgamatela velocemente in modo da rendere il più simili possibile i due composti, quindi aggiungete il resto della panna amalgamandola con movimenti dal basso verso l'alto...una volta pronto io ho trasferito la mousse in un sac a poche e l'ho messa a riposare in frigo. E' il momento del caramello...allora...in un pentolino mettere lo zucchero e senza mescolare lasciare sciogliere lo zucchero, fatelo cuocere fino a che non diventa di un color nocciola, in un'altra pentola fondere il burro, deve diventare nocciola anche questo...aggiungerlo allo zucchero bollente, mescolare ed aggiungere anche la panna...occhio, farà mille bolle! Mescolate per bene...e il gioco è fatto! Con il beccuccio del sac a poche ho bucato e riempito i bignè con la mousse, quindi li ho letteralmente inzuppati nel caramello e ho formato la piramide. 
Con questa ricetta partecipo all' MT Challenge di ottobre


28 commenti:

  1. splendidi..davvero buona giornata..simmy

    RispondiElimina
  2. buongiorno professorA!!! hihihi... scusi volevo chiederle, ma quel mare li è il famoso mare di Profiterole?? mi dicchiii mi dicchi!!
    ahahaha sei riuscita a farci ridere anche oggi.. ihih.. mi prendo una palla e vado ciau

    RispondiElimina
  3. Tesoro, non sei l'unica ritardataria. E' un periodo forsennato e questa sfida mi ha buttato un po' nello sconforto perchè non credevo di poterla fare. Il tuo meraviglioso risultato è da ola. Devo assolutamente ricordarmi questa versione con quella colata di caramello al burro salato. Da estasi. Ti abbraccio (anche io tuo ometto troppo forte!). Pat

    RispondiElimina
  4. C'è chi scomoda solo montersino e chi scomoda pure santin! E con che risultato! Spiegazione dettagliatissima con tanto di consigli/sconsigli per la realizzazione di un'ottima mousse e di un caramello ben liscio. Roba da intenditori, insomma!
    Te lo posso dire che mi stava venendo un colpo, visto che hai messo la foto della piramide solo alla fine???
    Stefania P&S

    RispondiElimina
  5. E'troppo forte tuo figlio!!!Il profiterol è proprio una bomba di gusto, ma molto raffinata!Bacioni!

    RispondiElimina
  6. Questi profutterols sono davvero meravigliosi invitanti e goduriosi e tuo figlio è uno spettacolo!!baci,imma

    RispondiElimina
  7. Che dolce chic, mi piace tanto quella glassa, un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Stupendi! Se dovessi premiare io, sceglierei questi!!!

    RispondiElimina
  9. Ah ah ah ah ah ah ah ...sei una sagoma!!!! Povero figliolo...me lo immagino con la faccina tutta felice mentre ti chiede se quel mare a ridosso del cartello si chiamasse Sabaudia :-D Ma lo sai che ci sono stata??? Sono stata al parco del Circeo in gita scolastica ( qualche secolo fa ;-) ) Che bei posti!!!! Me li ricordo ancora! Beh...prendo un profiterols e vado a rivedermi le foto della gita ;-)

    RispondiElimina
  10. Questa ricetta è un'assoluta garanzia! Nomi illustri e quel caramello salato che è troppo godurioso!!! Un bacione

    RispondiElimina
  11. Cioccolato e caramello salato??? Che gola!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. greta, d'ora in avanti quando farò un giro verso la costa tirrenica penserò sempre al mar sabaudia, troppo forti i bambini!
    ti chiedo una cosa, la panna da aggiungere al caramello la metti fredda o calda? a me si graniglia sempre!

    RispondiElimina
  13. @Dauly, la metto fredda, o meglio a temperatura ambiente, se lo zucchero è ben sciolto non dovrebbe succederti, fa subito tantissime bolle e risciando ustioni di terzo grado non bisogna smettere di mescolare!

    RispondiElimina
  14. Guarda che meraviglia....e poi....il caramello salato.....gnammmm!!! Me li mangerei tutti! Bravissima!

    RispondiElimina
  15. Grande il mezzano...lo so, sono domande che avvolte anche io mi trovo in difficoltà...avevo visto un piattino...ma nella sua forma sono fantastici...ottimo tutto e complimenti per davvero...ciao.

    RispondiElimina
  16. Che delizia che vedono i miei occhi! un capolavoro anche per il palato!! bravissima :)

    RispondiElimina
  17. Il tuo ometto è un grande, ancora me la sto ridendo...i profiterol sono da copertina, che vuoi di più, altro che sfide!!!
    un abbraccio loredana

    RispondiElimina
  18. questi profiterole sono lussuriosi!!!!!! utili anche per corrompere eventuali prof di geografia!!! ;)

    RispondiElimina
  19. Ma che belli i tuoi bimbi...tenerissimi nella loro innocenza!!!
    I profiteroles di Montersino li ho provati (ma guardata te la novità!!!) e confermo che sono eccellenti.....la mousse di Santin pure, ed è altrettanto eccellente.......ma come ti viene in mente di unire questi due peccati in un unico dolce e aggiungerci pure il caramello salato? Non si fa, questo è un vero attentato per la gola!!!! Baci cara Greta!!!

    RispondiElimina
  20. come sono delicati!!
    che belli!

    RispondiElimina
  21. Anche a me il caramello mi si raggruma, tanto che ho pensato di metterlo caldo... Comunque una meraviglia... non solo il dolce, acneh tuo figlio... così non mi sento l'unica mamma ad avere dei figli con un 2 in geografia (e non solo...)

    RispondiElimina
  22. hahahaha effettivamente il ragionamento dell'ometto non fa una piega :-))
    Non sono un'amante dei profiteroles, ma in questa versione con mousse al cioccolato devono essere deliziosi.

    RispondiElimina
  23. Hahahahahaha!!! Bellissimo il mare che bagna un singolo stabilimento :-D
    Bella l'idea del caramello salato! :-p

    RispondiElimina
  24. è che i bamnbini vogliono avere una risposta su tutto, biogna anche dirli che mamma e papà non possono sapere tutto, belli quei luoghi ricordo ancora sperlonga...
    Tuffiamoci in questo magnifico è il caso di dirlo profitterol cosi convocazione dal preside mancata :-)))

    RispondiElimina
  25. quella mousse al caramello mi fa davvero gola!! :P
    un bacione dal mar salerno! :)
    la geografia la facciamo noi! eh eh eh

    RispondiElimina
  26. ..non preoccuparti: sarà sempre più bravo di me in geografia, nonostante gli anni di esperienza e i viaggi fatti! :)

    Questi profiteroles si mangiano già con gli occhi: mmmmm!!

    Buona Serata!

    Francesca (www.singerfood.com)

    RispondiElimina
  27. Tuo figlio è un genio!
    i tuoi profitteroles sembrano deliziosi... ricardati di rifarli quando mi verrai a trovare!!!
    Bacioni, Chiara

    RispondiElimina
  28. i bambini riescono sempre a sorprenderci, vero? Questi profiteroles sono irresistibili Greta! Buona giornata....

    RispondiElimina