mercoledì 27 aprile 2011

Angel cake...e finalmente il racconto di mercoledì!


" Ma che te sei messa ai piedi ? " ...eravamo rimasti a questo punto...il bruto al primo appuntamento veramente romantico aveva esordito così " Ma che cosa sono quelli? Fichi d'india?"
Ed io "Sono dei sandali meravigliosi, i miei preferiti, con un fiore sulla punta!!! "
E lui " Si è vero sembrano dei fiori ... ma di zucca però ! 
Non poteva essere vero, ok la sincerità, che non è proprio la dote migliore del genere maschile, ma non era quello ne il luogo ne il modo per essere così schietti!
Avrei voluto trovare qualcosa di contundente ma tutto quello che mi girava intorno era puro romanticismo...una serata perfetta...vino rosso stappato e versato come un sommelier, con tanto di leggenda sulla casa vinicola che lo produceva, passeggiata tra i vicoli di Sperlonga con digressioni su Torre Truglia fino ad arrivare alle Grotte di Tiberio con il mito di Ulisse...e mentre ero rapita da tutto questo sapere, la viscica del sandaletto cominciava a farmi trasalire...
Non gli avrei mai e poi mai dato la soddisfazione di dire " Ahia che male che mi fanno questi cavolo di sandali!"...
Ma il burbero acculturato aveva capito tutto e non mollava un passo...arrivammo fino alle macchine  dopo aver percorso in una sola sera la stessa distanza che io percorro in un anno!
Eccoci...dopo tanto soffrire finalmente il bacio della buona notte...perchè ci sarà un bacio della buona notte non è vero???
Faccio una piccola premessa prima di raccontare del bacio, non mi ricordo se già vi ho detto che mio marito è alto come me senza le scarpe, e dalle fotografie del matrimonio si vede chiaramente che ha posato tutto il tempo con i crampi ai polpacci, infatti quello che si vede non è un sorriso ma un ghigno provocato dallo sforzo...ma questa è un'altra storia...
Sono pronta per la mia piccola vendetta...appena si avvicina per darmi il bacio della buona notte, gli butto le braccia al collo dall'alto verso il basso e con il mio sandaletto lo faccio sentire un nano!!! 
"Allora...buona notte " faccio un passo avanti pronta per la rivalsa ma soprattutto per il meritato bacio, quando gli squilla il telefonino proprio sul più bello!!! 
Lui si allontana, guarda lo schermo e con l'espressione più normale e disinvolta che si sia mai vista nella storia delle espressioni disinvolte, mi guarda e mi fa  " E' mia moglie...devo andare "... 
Si gira e sale in macchina...sono tornata a casa con la bocca aperta, continuavo a ripetermi che no, no che  non era vero, che era colpa del vino rosso e della bolla d'acqua sul calcagno...e...invece... 



Lemon Angel Cake
( adattata da una ricetta di Martha Stewart )

Ingredienti:
1 cup di farina
12 albumi a temperatura ambiente
11/2 cup di zucchero superfino
2 cucchiai colmi di buccia gratugiata di limone
1 cucchiaio di cremor tartaro
1 pizzico di sale
2 cucchiai di succo di limone
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Per la glassa:
zucchero a velo
succo di limone

Preparazione:
Cominciamo preriscaldando il forno a 170° e posizionando la teglia nella parte bassa del forno. Nella campana del robot montare gli albumi fino a quando sono ben spumosi, quindi poco alla volta aggiungere la buccia e il succo del limone, il cremor tartaro e il pizzico di sale, fino a quando la massa forma dei picchi, a questo punto un cucchiaio per volta aggiungere la metà dello zucchero, aumentare la velocità e continuare a montare per almeno 3/4 minuti...minuti durante i quali dovrete setacciare con gran cura la farina con l'altra metà dello zucchero. Spegnete il robot e con una marisa incorporare il composto di farina alla massa di albumi mescolando dal basso verso l'alto in tre volte...con moooolta delicatezza il tutto va versato nell'apposito stampo corredato di piedini che, come da istruzioni allegate, non va assolutamente imburrato pena l'autocombustione istantanea!! Scherzi a parte, è vero lo stampo non va imburrato, ma va infornato per 40/45 minuti, vale anche in questo caso la prova stecchino. Una volta cotto capovolgete lo stampo, poggiandolo sui piedini e lasciare raffreddare completamente i dolce, ci vorranno almeno un paio d'ore...e non vi preoccupate...non cade, anzi, per sformarlo ci vorrà un po di lavoro! Io non amo molto le glasse complesse, quindi ho scelto una glassa semplicisssssima...questo è il dolce più soffice che io abbia mai mangiato!

21 commenti:

  1. Complimenti per il dolce e per il racconto.. sei davvero divertente quando scrivi ...
    Ciao Greta un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  2. Ma no! Non mi puoi lasciare a questo punto....
    che mi dai un recapito di tuo marito che mi faccio raccontare il seguito prima che arrivi il prossimo mercoledì!!!
    Scherzoooo!!!!
    Non ci credo che era sposato!!!
    A proposito: buono il dolce.
    Baci.

    RispondiElimina
  3. fantastico l'angel cake, noi abbiamo provato la ricetta di montersino e ce ne siamo innamorate, ci piace molto di più del pandi spagna tanto da essere buono e gustoso anche così!

    RispondiElimina
  4. e poi?? non puoi mica lasciarci così!! ;-)
    bellissimo e golosissimo questo cake!

    RispondiElimina
  5. Bella questa angel cake, mai fatta in vita mia, e sono super curiosa di sapere che sapore ha e soprattutto la consistenza...... ho una nostalgia di quei luoghi pazzesca....

    RispondiElimina
  6. Torta sofficissima e appetitosa,mi piace molto... Complimenti per i tuoi dolci,sono semplici e sanno di ...coccole!!! E poi complimentissimi per tutti i commenti con cui accompagni le ricette, inutile dire che il racconto dei primi incontri con tuo marito mi ha fatto sbellicare dalle risate! Brava x tutto!
    Titti

    RispondiElimina
  7. E quindi? non puoi lasciarci così sul più bello!!!
    però la cosa dei sandali fichi d'india mi ha fatto morire ^__^

    RispondiElimina
  8. una risata (le scarpe), un Nooooooo (la telefonata), un gulp (la moglie) e una bava alla bocca (torta e foto!)
    Grazie! Stefania

    RispondiElimina
  9. Oh mamma, ma che ti sembtìra il modo di finire di raccontare?
    Giarda, sono talmente basita che m'è passta pure la fame...
    Ma farò un eccezione solo ed esclusivamente per questo meraviglioso angel cake...e solo perchè sei tu ;)
    Si ma quanto dobbiamo aspettare per sapere il seguito?
    Mica una settimana vero?
    L'Angel cake mi sa che mi servirà tutto per ingannare il tempo :D
    Un bacio
    Smack

    RispondiElimina
  10. E invece?????????????????No nn puoi lasciarci cosi adesso voglio capire:D!!!
    Va be in attesa del seguito mi consolo con questa bellissima angel cake davvero soffice come una nuvola!!!!bacioni Imma

    RispondiElimina
  11. aho ma che ce stai a pijà in giro??? racconta tuttooo non pioi lasciarci cosi... ma dove hai comprato le scarpe fichi d'india??? mhahmuaauhauhaumh jee possino!

    RispondiElimina
  12. Sai che non avevo letto ancora i tuoi racconti del mercoledì..:))

    mi piacciono le storie di amanti e di intrighi passionali...torno la prossima settimana, allora!
    Baci, barbaraxx

    RispondiElimina
  13. Noooooooooooooo non puoi lasciarmi cosiiiiiiiii


    Mi prendo una fetta di questa goduriosa torta ma voglio sapere il resto...

    RispondiElimina
  14. Non ci credo che era sposato secondo me è più matto di te.. ;)))) :*

    RispondiElimina
  15. Io non vi anticipo niente...vi dico solo che nella prossima puntata ci sarà l'ingresso di un nuovo personaggio ;)

    RispondiElimina
  16. Che storia!! La seguirò, visto che è a puntate!
    Complimenti per il dolce, davvero angelico!
    bacioni

    RispondiElimina
  17. ahahah ma daaai! nn vedo l'ora che sia mercoledi :D

    RispondiElimina
  18. Ciao cara! Sei simpaticissima e questo dolce è favoloso! Bravissima! Un bacione.

    RispondiElimina
  19. deve essere deliziosa questa torta!

    RispondiElimina
  20. non puoi lasciarmi così, non vedo l'ora che sia mercoledì, torta strepitosa e racconto esilarante.
    un bacio

    RispondiElimina
  21. una torta ultra buona!
    :)
    a presto!

    RispondiElimina