mercoledì 10 aprile 2013

Un cake al mandarino e il fascino del "senza"...uova, latte, lievito e burro


Ebbene sì ho ceduto anche io al fascino del cucinoquasisenzaingredienti...o forse più che ceduto sarà che a casa mia il frigo continua a contenere solo la sua eco, ma avevo dei mandarini, tanti mandarini, profumatissimi, con delle belle foglie verdi, colti nel giardino di mia madre che aspettavano di essere consumati, passiamo in casa poco tempo e...quelle belle foglie verdi che ricordavo erano ormai secche, ma buttarli proprio no e allora magari ne faccio una spemuta e li uso in una torta, maaaaaa niente uova, niente latte, niente burro e aspetta che controllo in dispensa...neanche lievito per dolci...e allora qui si va un po di sperimentazione pura, anzi se proprio la dobbiamo dire tutta, più che di sperimentazione si va ad occhi chiusi affidandosi un po all'esperienza, ai fallimenti precedenti e perchè no ad una sana dose di fortuna :) e allora perchè dovreste fidarvi? Perchè era proprio buona!!

 
Cake al mandarino e camomilla senza uova, latte, lievito e burro
 
Ingredienti:

150g di farina bianca
100g di farina integrale
1 pizzico di sale
100g di zucchero muscovado ( o di canna...o semolato se preferite )
2 cucchiai di amido di mais
1 punta di bicarbonato di sodio
2 cucchiai di fiori di camomilla
2 cucchiai di mandorle a lamelle + quelle per la decorazione
250ml di succo di mandarini ( ma anche di arance, pompelmo o un mix )
90g di latte di cocco
80ml di olio di oliva
2 cucchiai di miele ( io di arancio )

 
Preparazione
 
Cominciamo subito ad accendere il forno a 180°, si sarà riscaldato alla fine della preparazione. In una boule capiente setacciate tutte le polveri, aggiungete anche zucchero, fiori di camomilla e mandorle a lamelle. In un'altra ciotola, munite di frusta o di un cucchiaio di legno mescolate insieme tutte le parti liquide, senza montare, dovete solo mescolarle, facendo sciogliere bene il latte di cocco ( io lo tenevo in frigorifero e si era solidificato) aggiungete le parti liquide alle polveri e mescolate bene, fino a che non sia tutto ben amalgamato, quindi versate il composto in una teglia ( la mia era da 20 ) precedentemente unta con un filo d'olio e mettete in forno per circa 40 minuti, o fino a che alla prova stecchino non risulti cotta...oppure, se volete sporcare soltanto la campana del mixer, montate la foglia ( o gancio k ) e metteteci dentro tutte le polveri setacciate, fate fare un paio di giri a velocità minima ( altrimenti vola tutto ) tanto per mescolare, quindi aggiungete, sempre a motore al minimo, tutta la parte liquida già amalgamata, ancora un paio di giri, quindi una bella mescolata a mano in modo da recuperare bene anche il fondo che di solito rimane poco mescolato e via in teglia!!! Una volta tirata fuori dal forno, io l'ho lasciata intiepidire per qualche minuto, quidi l'ho sformata e "glassata"...virgolettato perchè avendo usato poco zucchero, non mi andava di aggiungerne troppo con la glassa, allora ho spremuto un'altro mandarino e l'ho mescolato con un cucchiaio di miele, l'ho versato sul cake ancora tiepido e ho l'ho cosparso con delle mandorle a lamelle. Vi dico la verità avevo paura che risultasse un po pesante, data l'assenza di lievito e vista la scarsa quantità di grassi...ed effettivamente è un cake compatto, ma leggero, profumato di camomilla e mandarini, poi le mandorle gli danno la croccantezza che manca...veramente buono, la prossima volta ci aggiugerò anche delle zeste tritate! 




21 commenti:

  1. Ciao Greta!
    che bella questa torta "senza" e poi il profumo di mandarino è stupendo :)

    RispondiElimina
  2. La voglio assolutamente provare questa tesoro é deliziosa é perfetta quando vengono a mancare certi ingredienti e poi risulta perfetta per tutti quidi corro in cucinaaaaa!! Bacioni, Imma

    RispondiElimina
  3. bhé che dire cara Greta, anch'io ne ho una della stessa serie, uscita dal cappello quando anche da me il frigo faceva l'eco, però due uova c'erano... e invece tu mi batti ;)) fantastica

    RispondiElimina
  4. Mi piace da morire questo levare ed aggiungere di controparte per equilibrare il braccio della bilancia. Ho letto gli ingredienti e mi sono innamorata....ma non potevi postarla quando ancora i mandarini si trovavano?
    Mannaggiatté.
    Sei un genio cara la mia blodie!
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ma da me ancora si trovano! Il microclima di quel giardino fa magie!! :)

      Elimina
  5. Verrebbe da dire, una torta "niente di che" per l'assenza di ingredienti base, invece è invitantissima e immagino anche molto profumata.
    Non abbiamo nemmeno più la scusa del frigo vuoto...

    Fabio

    RispondiElimina
  6. Che profumo che farà questa tortina, Greta! Mi piace proprio

    RispondiElimina
  7. bravissimaaaaaaaa!! la segno e provoooooooo!!

    RispondiElimina
  8. Beh guarda Greta ti garantisco che qua c'è solo bravura pura...io anche se mi ci impegno mica lo ottengo un risultato così strabiliante!!!!

    RispondiElimina
  9. Ah per quanto riguarda il fascino del "senza" non hai bisogno di convincermi che ne sono già ben persuasa di mio, ma questo è un vero capolavoro! Insomma, basarsi solo su ciò che avevo sbagliato o fatto bene in passato e tirar fuori una meraviglia ocme questa non è da tutti.. (bè,da me no di sicuro! XD)
    complimentissimi, un abbraccio:)

    RispondiElimina
  10. cucino con i senza da un po' di anni, e non mi manca niente in quanto a golosità :)

    RispondiElimina
  11. Ma è una meraviglia!!! Chissà se viene anche a me così, io con i dolci che contengono bicarbonato non ho molta fortuna.
    Forse è la metodica, ho visto che tu hai fatto come per i muffin! Proverò a farla, mi ispira tantissimo!
    Baci cara.

    RispondiElimina
  12. Come si fa a non fidarsi di te? Solo che io devo aggiungere anche "senza farina"! ;)

    RispondiElimina
  13. Ha l'aria di essere profumata e umida, come piace a me. Più che fortuna qui, mia cara, ci sono delle capacità che ogni volta mi esaltano. Sei proprio brava e prima o poi devo venire a trovarti, devo e voglio!!! Buona giornata

    RispondiElimina
  14. Che delizioso il tuo cake al mandarino. Mi viene voglia di assaggiarne una fetta proprio ora. Delizia assoluta, complimenti! :D Un grosso abbraccio,
    Incoronata.

    RispondiElimina
  15. Gran bella sperimentazione, Greta.
    Anche io ci provo sempre, ma spesso i risultati sono quasi degni di tutti i senza che contengono...senzalode, oserei dire.
    Tu invece sai sempre come fare centro!

    Sai che una volta ho inserito la camomilla in un primo? A me piace moltissimo!

    RispondiElimina
  16. Sei straordinaria tu, come sempre... E ti riesce di fare meraviglie anche... Senza!
    Appena riavrò dei bei mandarini ci provo! Un bacio stella e buona Vita ^___^

    RispondiElimina
  17. ciao stanga bionda! :))
    sai che ne faccio una simile, con il latte di soia, sulla ricetta della schiacciata fiorentina?
    io la adoro! ne sono veramente innamorata.
    buona domenica.
    kisses

    RispondiElimina
  18. prima che i mandarini scompaiono devo darmi da fare :-) fantastica

    RispondiElimina